Vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole (e più non dimandare)

Dante Alighieri – Inferno, canto III

Nonostante la distanza siderale che differenzia le coppie Merkel – Schauble / Costi – Bonaccini, (almeno sul piano politico) , questi due ticket presentano una caratteristica comune:
l’arroganza nella gestione del potere e l’ostinata determinazione a trattare i “comuni cittadini” come il “popolo bue” che non può altro che conformarsi e subire le decisioni prese dall’alto.
Eclatante, e ci riguarda da vicino, la vicenda dell’ordinanza 20 (quella che cancella il CAS) per la quale, prima della imminente entrata in vigore, come SISMA.12 avevamo proposto una pausa di ripensamento e di verifica, richiesta rimbalzata in parecchi Comuni del Cratere e concretizzatasi nella presentazione di mozioni e interpellanze, in tal senso, nei vari Consigli Comunali.
Bene: questa ordinanza viene modificata dal Comitato Istituzionale ancor prima di entrare in vigore, con la premessa/promessa che alle attuali modifiche potranno seguirne delle altre, dimostrando, di fatto, che la fretta di “farvederedivolerfare” ancora una volta ha prodotto risultati scadenti.
Il sistema, però, non cambia: le decisioni vengono prese senza un reale confronto coi cittadini, cioè quelli che dovranno subire sulla propria pelle le conseguenze di queste decisioni.
Per quanto riguarda le azioni di velocizzazione della pratiche della ricostruzione ci riserviamo di esprimerci nel momento in cui avremo qualcosa di più che dei titoli, anche se già da alcuni di questi ( per fortuna non tutti) derivano segnali poco rassicuranti.

About Author

Connect with Me:

Leave a Reply